giovedì 27 aprile 2017

Creare occupazione in Italia

Sappiamo bene che il costo del lavoro rappresenta da sempre per le aziende una delle voci di passivo più consistenti del bilancio annuale. Creare occupazione, oppure semplicemente mantenere intatti i livelli occupazionali può rivelarsi talvolta un lavoro di non poco conto. Per avere un’idea dell’impatto del costo del lavoro su bilanci aziendali italiani basta consultare la tabella sotto indicata (fonte Eurostat):

Come possiamo notare, l’Italia, rispetto a tutti i paesi Europei, presenta il rapporto livello di retribuzione/costo lavoro più alto (bassa retribuzione abbinata ad alto costo previdenziale).
Appare evidente che, per le aziende ed i lavoratori, sia davvero importante ridurre l’impatto del costo previdenziale, pensiamo ad esempio alla possibilità di ridurre del 20% il costo del lavoro (700.000,00) di un’azienda con utile di 500.000,00. La redditività aumenterebbe del 24% che ammonta ad € 120.000,00
Fortunatamente il legislatore, pone a favore delle imprese che investono nella creazione di nuovi posti di lavoro alcune agevolazioni, che non di rado possono tramutarsi in vere e proprie opportunità. Dimezzare i costi di un piano assunzioni del 70% può in effetti considerarsi come un ottimo investimento.
Purtroppo, non è sempre facile districarsi nel mare magnum italiano fatto di leggi e burocrazia in perenne movimento, ed è propri con questo lo spirito con cui è nato il Master in Amministrazione delle Risorse Umane di Make it so
All’interno del nostro Master approfondiremo il funzionamento dei principali incentivi all’occupazione con l’intento di permettere ad aziende e addetti ai lavori di effettuare assunzioni ad un costo potenzialmente inferiore, alleggerendo così i costi annuali collegati alla forza lavoro. In aula eseguiremo una panoramica normativa di ogni argomento, per poi analizzarne gli aspetti di rilevanza pratica, come gli adempimenti a carico dei Datori di Lavoro e la compilazione del flusso Uniemens.  Impareremo infine ad effettuare stime di convenienza su di un piano assunzioni.
Per saperne di più sul Master in Amministrazione delle Risorse Umane scrivici a info@makeitso.it o chiama allo 06/45471749
Gianfranco Nobis
Docente del Master Amministrazione delle Risorse Umane

mercoledì 12 aprile 2017

Project work in collaborazione con Croce Rossa

Con la collaborazione di Croce Rossa, i partecipanti elaboreranno un project work concreto, legato agli avvenimenti del sisma del Centro Italia del 2016.
Lo scopo dell'elaborato sarà quello di strutturare uno staff che andrà a gestire il progetto, sia nelle strutturazione dei profili sia nella ricerca.

martedì 11 aprile 2017

Mens sana in Corpore sano

Tra lavoro, impegni, famiglia e amici, il tempo che rimane per te stesso è sempre meno. Come possiamo quindi prenderci cura di noi stessi senza dover sacrificare parte della nostra giornata? Semplice! Bastano 4 piccoli accorgimenti quotidiani che faranno la differenza sia sul tuo rendimento fisico che su quello mentale.
- Alimentazione.
- Attività fisica
- Idratazione
- Sonno

mens sana in corpore sano

Alimentazione: se è vero che "siamo ciò che mangiamo" allora l'alimentazione è alla base del nostro benessere. Come possiamo trarre il massimo da ciò che mangiamo? Utilizzando il meno possibile cibi raffinati (come ad esempio merendine, cibi pronti, fast food...), preferendo carboidrati integrali, limitando il consumo di zuccheri e preferendo carni bianche e pesce a tagli di carne più grassi (carni rosse, maiale...). 
Attività fisica: dedicare almeno 2/3 ore a settimana all'attività fisica è un ottimo modo non solo per tenersi in forma, ma anche per sconfiggere gran parte delle malattie del nostro secolo (tumori, obesità, diabete, osteoporosi...). Partendo dal presupposto che tutte le tipologie di sport sono efficaci, quelli che allenano il nostro cuore ed in cui si utilizzano i sovraccarichi risultano essere maggiormente opportuni.  
Idratazione: l'idratazione è uno dei punti fondamentali per mantenere il corpo in buona salute, basti pensare che con il solo 5-7% di disidratazione si incombe in problemi gastrointestinali ed allucinazioni. Come possiamo ovviare il problema? Basta bere molta acqua (preferibilmente a basso residuo fisso) durante la giornata (bastano un paio di bottiglie), oppure nel caso in cui si pratica sport, possiamo aiutarci con delle bevande isotoniche Senza Zucchero. Le bevande isotoniche sono drink caricati con elettroliti, i quali sono in grado di aumentare la capacità di idratazione del nostro corpo.  
Sonno: il sonno è un punto vitale per il nostro benessere. Durante la fase R.E.M. Il nostro corpo corregge gli errori e ripara gli eventuali "danni" prodotti durante la giornata (che siano da stress o più semplicemente causati dall'attività fisica). Ma quanto dobbiamo dormire? In realtà non c'è un vero e proprio dogma per le ore di sonno, bensì ci sono delle linee guida che si aggirano intorno alle 6/8 ore per notte. 

Federico De Blasis
Personal Trainer

martedì 4 aprile 2017

Make it So e i Lego, un sodalizio perfetto!

Il concetto di costruzione e del fare ci ha da sempre caratterizzati ma adesso con l’incontro metodologico della facilitazione dei gruppi attraverso la metafora della costruzione Lego, tutto acquista un nuovo senso e Make it So, diventa la scuola per la certificazione internazionale dei facilitatori ed è pronta con i suoi formatori e coach a integrare questo metodo in azienda nei suoi interventi formativi e di sviluppo nei gruppi di lavoro che segue.

Alcuni accenni per capire come funziona questo metodo e a chi è utile:
La metodologia di facilitazione Lego® Serious Play® è una tecnica per Pensare, Comunicare e Risolvere i problemi in gruppo, per mezzo dei mattoncini e degli elementi del Lego e si basa sui principi della “conoscenza delle mani” e di “fare con un obiettivo” (per questo si chiama serious!).
Le mani “sanno ciò che noi non sappiamo di sapere”: collegate per il 70% - l’80% con le cellule cerebrali, rappresentano il luogo dove vengono spedite le conoscenze che non possono più essere trattenute dalla nostra memoria. In questo modo diventano un bacino inesauribile di riscoperta quando le lasciamo libere di agire. Quindi, mettere insieme la costruzione di modelli e l’utilizzo delle mani, facilita il rilascio della nostra creatività e permette l’accesso ad un sapere dimenticato. L’utilizzo dei mattoncini per la creazione di metafore: rendere più semplice la comprensione e dunque la soluzione di temi complessi.

Lego® Serious Play® nasce negli anni ’90 grazie all’iniziativa di Kjeld Kristiansen, nipote del fondatore della Lego. Il meotodo Lego® Serious Play® è nato come metodologia di problem solving strategico, oggi trova ampia applicazione anche nel campo delle Risorse Umane e viene portato avanti dalla attività di consulenza e formazione fondata da Robert Rasmussen all’inizio degli anni 2000, dopo aver lasciato la Lego® 


Come funziona Lego® Serious Play®?
Non è un gioco, è un costruire insieme in maniera piacevole e divertente, per riflettere e prendere consapevolezza di ciò che è dentro di se ma non è noto. Il processo che scandisce l’applicazione di questa metodologia è semplice e lineare. Nei workshop facilitati con il Lego® Serious Play® i partecipanti vengono stimolati per mezzo di una serie di domande - le Sfide – coerenti con il tema oggetto della sessione, andando sempre più in profondità. Ogni partecipante risponde alla sfida costruendo il proprio modello, utilizzando i mattoncini e gli elementi del Lego.
Con Lego® Serious Play® i mattoncini vengono utilizzati per costruire metafore, modelli reali di concetti e idee, non per riprodurre oggetti reali. Questi modelli in lego sono la base per discussioni di gruppo, condivisione di conoscenza, problem solving, generazione di prototipi, decision making e tutto questo avviene secondo i principi della co-creazione.

Per quali obiettivi può essere utilizzato:
Gli interventi formativi attraverso questa metodologia sono utilissimi per lo sviluppo di diversi obiettivi:
- Costruzione dell’identità di nuovi team
- Sviluppo e integrazione di Team
- Costruire nelle organizzazioni visioni comuni, maggior commitment
- Per l’orientamento all’obiettivo
- Per la gestione del cambiamento
- Per la costruzione di strategie comuni di Business
- Per lo sviluppo del pensiero laterale
- Per la leadership e il decision making
- Per lo sviluppo innovativo e la creatività
- Per la value proposition e added value
- Per il product design
- Per Market Analysis e Swot analysis
- Per il Business Project Management
- Per lo sviluppo personale e di Team

Quali sono i vantaggi di Lego® Serious Play®?
È una metodologia in grado di unire i vantaggi propri delle metodologie di facilitazione esperienziali ti tipo riflessivo e della co-creazione pura. Grazie a questo, il beneficio dell’utilizzo di Lego® Serious Play® è molteplice e tocca sia la sfera delle dinamiche di gruppo che della costruzione di contenuti. In particolare:
1) Giocare con le mani libera la creatività e stimola il pensiero laterale
2) Tutti Partecipano e Contribuiscono al meeting per mezzo della costruzione dei modelli individuali di Lego in risposta alle sfide
3) La costruzione di modelli 3D e l’utilizzo di metafore rendono più semplice la comprensione e dunque la soluzione di temi complessi Questo garantisce il raggiungimento dell’Obiettivo del corso e di un Risultato che è concretamente e tangibilmente condiviso da tutti i partecipanti in quanto costruito con le loro mani

Workshop Lego® Serious Play®.
La richiesta di un workshop con questo metodo può variare da un intervento di mezza giornata a più giorni. Questo metodo può inserirsi come modello integrativo all’interno di progetti più ampi. Il team di Make it So è selezionato seguendo criteri di competenza, specifica qualifica, esperienza e conoscenza delle metodologie. Tutto il team si impegna a seguire un codice deontologico che garantisce la Qualità di ogni nostro intervento nel rispetto anche della normativa 4/2013 che tutela le aziende e le persone consumatrici finali del nostro servizio. Per gli interventi  Lego® Serious Play® ci avvaliamo solo di facilitatori con certificazione ufficiale con esperienza.  
Se non conosci il metodo chiedici come ottenere una demo nella tua azienda.